Gradimento Medio-basso
e non lo rileggerei

Una nobile follia

scritto da Tarchetti Igino Ugo
  • Pubblicato nel 1867
  • Edito da Mondadori
  • 195 pagine
  • Letto in Italiano
  • Finito di leggere il 29 marzo 2009

Igino Ugo Tarchetti è vissuto tra il 1839 e il 1869.
È quindi uno scrittore risorgimentale che è stato messo da parte in quanto portò avanti una forte critica alla guerra e un evidente riconoscimento del valore della diserzione e dellʼobbiezione di coscienza.

Il romanzo, in parte autobiografico, tratta le vicende di Vincenzo D: " una di quelle menti che non sanno scegliere tra la prosperità e la coscienza e sono esse sempre delle creature sciagurate".
Il racconto si articola in tre parti.
La prima parte riguarda lʼinfanzia e lʼadolescenza del protagonista.
Abbandonato, cresce in un orfanotrofio, dove conosce Margherita, il suo grande amore.
Si tratta di una parte ampollosa e retorica, dominata da una visione romantica e spiritualistica della vita e del mondo.
È tutta una esaltazione dellʼamore e della natura, assunta come un mondo idilliaco, Un dialogo tipico è il seguente: Margherita chiede: " ove andiamo ? Ad amarci.
E che fanno quelle lucciole ? Si amano.
E tutte quelle stelle ? Si amano.
Dio, come è bella la notte ! È lʼamore che lʼabbellisce".
A pagina 71 è forte la tentazione di abbandonare il libro.
La seconda parte racconta la vita militare di Vincenzo D.
Proprio nel momento in cui i due innamorati decidono di sposarsi, Vincenzo viene chiamato alle armi.
Con pagine di grande efficacia, viene raccontata la trasformazione individuale e sociale di una persona costretta a subire la disciplina militare.
Chi ha compiuto il servizio militare non può non ritrovarsi nelle parole dellʼautore: " le evoluzioni, il passo, il moto misurato e meccanico, la cadenza assordante del tamburo, la novità dellʼabito, lʼasprezza del comando e la disciplina stordiscono la sua mente, la distolgono da una riflessione seria e costante, creano nuovi bisogni, nuove idee, nuove parvenze.
I buoni sono divenuti cattivi, i cattivi pessimi, i pessimi malvagi".
La vita militare di Vincenzo ha una svolta quando viene chiamato a partecipare alla guerra di Crimea.Già la causa della guerra, richiamata dallʼautore, è di una tale futilità, che è di per sè una critica allʼassurdità dello scontro militare: un principe russo rifiuta di rendere visita al ministro turco e passeggia per le vie di Costantinopoli con " lo scudiscio alla mano ".
In questa parte del libro si colloca la descrizione della battaglia della Cernaia: sembra di assistere ad un film moderno ad effetti speciali e ad un tempo ad una battaglia dellʼIliade.
Corpi dilaniati, teste mozzate, sangue e devastazioni sono narrate con una forza cromatica tale da poterle vedere come in un quadro.
La narrazione raggiunge il suo punto di massimo impatto quando anche la natura ( qui non più benigna ma nemica dellʼuomo) prende parte alla battaglia: " il mare rigetta sulla riva gli alberi, le gabbie, i cadaveri.
Unʼonda gigantesca, che sembra riassorbire in sè tutte le altre onde dellʼoceano, si avvicina lenta e maestosa alla riva.
Una lunga fila di naufraghi apparisce sopra di essa agitando i petti e le braccia: sentono la terra sotto i loro piedi, ma lʼonda che li incalza di dietro sopraggiunge, si rovescia sopra di essi, li travolge e li riporta sullʼalta superficie del mare".
Ma Vincenzo è riuscito a salvarsi e non ha ancora ucciso nessuno, in quanto è rimasto sommerso da un mucchio di cadaveri.
Quando riprende conoscenza si trova di fronte un soldato nemico e, come nella Canzone di Piero di Fabrizio De Andrè, è costretto ad ucciderlo per correre poi a chiedergli perdono ed accorgersi che il soldato ucciso " era bello di una bellezza maschia ad un tempo e gentile, aveva i capelli biondi e inanellati, la fronte ampia e serena".
Il soldato sul punto di morte chiede a Vincenzo " perchè mi avete ucciso ?" .
A quel punto il protagonista decide di disertare e di acquistare la propria libertà: " io aveva gettato il guanto allʼumanità; non aveva meco che la mia coscienza: come avrei sostenuto quella lotta ?"
La terza parte è la discesa verso la follia, che ha origine nellʼomicidio.
Ormai il racconto si trasforma in filosofia e in un insieme di aforismi, in alcuni casi senza senso.
Emerge in modo evidente una dichiarazione contro la guerra e soprattutto contro la vita militare, mentre prevale ormai una visione del mondo panteista.
Il tutto diviene un confuso manifesto politico.

Lʼautore si affida ad un espediente narrativo ( Vincenzo D.
racconta allo scrittore che racconta ad un amico), che invece di rendere più vivace la lettura contribuisce ad appesantirla, in quanto il racconto è tutto sviluppato in prima persona, nella forma di una narrazione: narrazione che spesso è un occasione per noiose divagazioni filosofiche, che fanno cadere il ritmo narrativo.
Lo stile ampolloso, enfatico, fortemente aggettivato, rende spesso pesante la lettura.

Perchè non leggerlo ? È sufficiente andare in una biblioteca pubblica e limitarsi alle pagine che descrivono la vita militare e la grande battaglia della Cernaia (in tutto quaranta pagine).

Altre recensioni che potrebbero interessarti

The bottle imp

Stevenson Louis Robert

L' Arminuta

Di Pietrantonio Donatella

La colpa

Ghinelli Lorenza

Rapsodia irachena

Sinan Antoon