Gradimento Medio
e non lo rileggerei

I milanesi ammazzano al sabato

scritto da Scerbanenco Giorgio
  • Pubblicato nel 1969
  • Edito da Garzanti
  • 178 pagine
  • Letto in Italiano
  • Finito di leggere il 14 settembre 2007

Il romanzo è ambientato nella Milano degli anni’60.
Un commissario di polizia viene chiamato a indagare sulla scomparsa di una ragazza, molto bella ma minorata psichica.
Ritrova il cadavere, bruciato ai bordi della strada, e scopre un giro di prostituzione.
Mediante una serie di indagini presso il mondo della malavita e le case di tolleranza, individua gli assassini ma arriva troppo tardi perché sono già stati uccisi dal padre della ragazza.
Quest’ultimo, un brav’uomo, viene trascinato a commettere un delitto per la lentezza e l’incapacità della polizia a risolvere il caso.
Si tratta di un noir molto pesante e comunque amaro: una città violenta, priva di scrupoli e una polizia disattenta.
Il racconto è ben costruito, con un ritmo narrativo piacevole anche se i colpi di scena appaiono un po’scontati.
L’interesse dell’autore sembra essere più la descrizione dell’ambiente che la costruzione della trama.

Altre recensioni che potrebbero interessarti

L'isola degli idealisti

Scerbanenco Giorgio

La casa in collina

Pavese Cesare

Il mare non bagna Napoli

Ortese Anna Maria