Sconsiglio vivamente
e non lo rileggerei

Nodo alle budella

scritto da Malet Léo
  • Letto in Italiano
  • Finito di leggere il 10 marzo 2007

La trama del romanzo è surreale.
Paul, un piccolo truffatore, si innamora di una strana ragazza, Jeanne, che lo introduce nel grande giro delle rapine ma lo tradisce con un altro.
In seguito al tradimento, Paul comincia a vivere in uno stato di allucinazione e sogna sempre un ometto con i baffetti.
Durante una rapina in banca pensa di vedere questo individuo in uno degli impiegati e quindi, per liberarsi dall’incubo, lo uccide.
Inizia un inseguimento della polizia, durante il quale Paul inizia una “ discesa” verso gli inferi: sia fisicamente che spiritualmente.
Paul perde il controllo della propria vita ed entra in uno stato paranoico.
In questa condizione uccide una donna che lo ha accolto in casa e che lo proteggeva dalla polizia.
Il libro descrive il declino di una persona e il suo passaggio da un stato di incerto equilibrio a una condizione nevrotica e auto-distruttiva.
In questo senso, è la rappresentazione di una situazione più generale, che può capitare a chiunque: essa, però, viene portata avanti dall’autore in modo paradossale e inesplicabile, lasciando il lettore sconcertato e deluso della superficialità della vicenda.
.

Altre recensioni che potrebbero interessarti

Paese d'ombre

Dessì Giuseppe

Accabadora

Murgia Michela

Il Leone di Damasco

Salgari Emilio

Le terre del Sacramento

Jovine Francesco