Sconsiglio vivamente
e non lo rileggerei

The book of illusions

scritto da Auster Paul
  • Pubblicato nel 2002
  • Edito da Faber & Faber
  • 232 pagine
  • Letto in Inglese
  • Finito di leggere il 25 gennaio 2006

Il protagonista perde la moglie e i figli in un incidente aereo.
Per sfuggire alla disperazione scrive la biografia di un attore del cinema muto, che era scomparso senza lasciare traccia di sé.
Rintracciato da Alma, di cui si innamora, viene a conoscenza che l’ex attore vive in una fattoria, nella quale ha continuato a produrre film che ha deciso di distruggere dopo la sua morte.
Il protagonista raggiunge la casa di campagna per assistere alla morte dell’ex-attore, riesce ancora a vedere uno dei film che erano stati prodotti per poi assistere da spettatore all’incendio che distrugge tutte le produzioni cinematografiche.
Il racconto si conclude tragicamente con la morte di Alma.
È un romanzo complesso, per molti aspetti intellettualistico e colto, che si sviluppa tra vicende paradossali su due temi filosofici ed esistenziali: il mondo è tutta unʼillusione, non è chiaro che cosa sia reale e che cosa siano la finzione e il frutto della nostra immaginazione; la distruzione, la morte, è il risultato casuale dell’illusione nella quale viviamo.
Il tema dell’illusione è personificato dall’ex-attore Hector: non si sa da dove venga e fa di tutto per non farlo capire, vive una doppia relazione che si conclude tragicamente, fugge sempre fingendo di essere un altro e simulando situazioni sino a rinchiudersi in campagna a produrre film criptici che non verranno mai proiettati in sale cinematografiche.
Il tema della distruzione, di tragedie che travolgono la vita degli uomini, di fatti inesplicabili è rappresentato dalle stesse vicende del libro e dai tormenti del protagonista.
"Èun libro di frammenti, un insieme di nostalgie e di sogni solo in parte ricordati".
Il libro è scritto molto bene, con un stile piacevole e agevole alla lettura.
C’è una base intellettualistica che rende spesso farraginoso e ridondante il ritmo narrativo.

Altre recensioni che potrebbero interessarti

Sunset Park

Auster Paul

Oracle night

Auster Paul

Stamboul Train

Greene Graham