Tra i migliori che ho letto!
e lo rileggerei volentieri

Terre et Germinal

scritto da Zola Emile
  • Pubblicato nel 1885
  • Edito da G. Charpentier
  • Letto in Italiano
  • Finito di leggere il 24 dicembre 2008

Si tratta di due romanzi naturalistici, di forte stampo sociologico: quasi due inchieste sociali.
Con La Terre Zola descrive, con spietatezza e senza nessuno spazio ad idealismi e ad accenti ottimistici, la realtà economica e sociale dell’agricoltura francese alla fine del XIX secolo.
Non si salva nulla; in particolare la famiglia e i rapporti tra le persone risultano distrutti dall’avidità per la proprietà e dall’abitudine alla violenza.
In Germinal, che descrive la situazione dei minatori e uno dei primi scioperi operai, lo stile è sempre fortemente realistico, ma emergono accenti ideali, legati alla convinzione che si è di fronte ai primi passi di un grande movimento, quello operaio, che porterà a conquiste sociali e politiche.
Malgrado la conclusione del romanzo sia tragica, il lettore ne esce con un certo ottimismo.
I contemporanei apprezzarono più Germinal che La Terre, ma oggi è senza dubbio il secondo romanzo ad emergere con maggiore validità, in particolare per il ritmo narrativo (quello di Germinal è un po’ noioso) e per la descrizione della campagna francese.
Si tratta di due grandi romanzi sociali, che pongono Zola tra i più grandi scrittori di questo genere.

Altre recensioni che potrebbero interessarti

Nana

Zola Emile

Il rumore del mondo

Cibrario Benedetta

Guerra e pace

Tolstoj Lev