Sconsiglio vivamente
e non lo rileggerei

L’Abyssin

scritto da Rufin Jean Christophe
  • Pubblicato nel 2000
  • Edito da Gallimard
  • 698 pagine
  • Letto in Francese
  • Finito di leggere il 13 aprile 2005

Il romanzo è ambientato a fine ‘600 all’epoca di Luigi XIV e narra le vicende di un francese, Poncet, il quale visita l’Abissinia a seguito di una spedizione, voluta dai gesuiti, che aveva la finalità di riprendere i contatti con questo impero dopo l’espulsione dei preti cattolici cinquanta anni prima.
Il protagonista è un giovane avventuroso, che si presta a questa iniziativa per amore della figlia del console francese de Il Cairo.
Si trova in tal modo all’interno di una serie di intrighi tra diversi ordini religiosi (i cappuccini contro i gesuiti) e differenti correnti cortigiane della corte del re di Francia.
La storia ha ovviamente un lieto fine, i due innamorati riescono a sposarsi dopo numerose avventure.
Si tratta di una via di mezzo tra i Tre Moschettieri (il grande romanzo francese) e le storie di Maalouf, ma manca totalmente l’ambientazione storica, il ritmo avventuroso e l’analisi dei personaggi.
Per esempio la trasformazione della giovane figlia del console da devota ragazza ad avventuriera si sviluppa in modo piatto rivelandosi di fatto inverosimile.

Altre recensioni che potrebbero interessarti

Career Move

Martin Amis

All Our Names

Mengestu Dinaw

L'ombra delle colline

Arpino Giovanni